Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Aspettando l'autunnoDiario di una cacciatriceIn attesa delle prime beccacceUna storia comuneI primi colpiQUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

Il cacciatore solitario


mercoledì 31 maggio 2017
    

Viveva con moglie e figli nelle terre del Castel del Monte dove fra grani, orti e sparsi ulivi era situata la sua dimora. Sin da piccolo aveva seguito il nonno materno sia nel lavoro dei campi che nella passione per la caccia. Il suo nome era Nicola, ma gli amici lo abbreviavano in Nicò, con disappunto dello stesso. Al primogenito aveva dato il nome di Federico in ricordo del grande imperatore Federico II di Svevia, amante delle arti e della falconeria e autore del famoso trattato “De arte venandi cum avibus” dell'arte della caccia con i falchi. Le colline intorno al Castel del Monte erano un paradiso di caccia per lo stesso imperatore e i suoi falchi, ma per Nicò l'interesse venatorio riguardava soprattutto tordi, allodole e lepri.

Uomo nobile e generoso, preferiva esercitare l'arte venatoria in perfetta solitudine. Eccelleva nella caccia ai tordi e di questi conosceva vita, morte e miracoli. Ne prevedeva i giorni del passo come nessuno mai. Le predizioni di Nicola iniziavano ad ottobre quando si aspettavano i bottacci. Sin dalla prima decade del mese, verso la tarda sera, si allontanava fra i campi per saggiare l'arrivo del vento, lo spuntare delle stelle, la temperatura dell'aria, il richiamo della civetta o il passo di qualche migratore. Osservava attentamente il leggero muoversi delle foglie al vento. Il levante lo sconfortava, come pure lo scirocco. Anche la forte tramontana non era propizia al passo. E così ritornava a casa deluso perché non ci sarebbe stato passo. Lo aspettavano gli amici.

Non ancora! Replicava. Ma il passo è alle porte!

Poi il miracolo della migrazione! La notte si preannunciava col brillio delle stelle, con la brezza del maestrale che rinfrescava l'anima, col grido festoso della civetta e con tutti i segni che solo Nicò riusciva a decifrare. Era fatta. Nella notte sarebbero arrivati i tordi. E con un mezzo sorriso informava gli amici, avvertendoli ripetutamente di non intralciare la sua solitudine e il suo atavico appostamento. La prima del passo era notte insonne. Nicola tirava dalle tasche un mazzo di foglioline di ulivo e le osservava attentamente; le combaciava a coppia, le legava con un sottile spago e portandosele alle labbra, provava e riprovava a zirlare fino a quando sortiva uno zippio talmente perfetto che avrebbe attirato irresistibilmente i tordi di entrata. Molti tentarono di imitarlo nell'uso di quel richiamo, ma senza successo. La riservatezza di Nicola difficilmente lasciava trapelare segreti. Imitava con estrema perfezione lo zip appena percettibile dell'uccello in calata. Riteneva inutile il richiamo col chioccolo. “Non serve a niente- diceva - perché da noi i tordi non sono in amore. Comunicano solo con il caratteristico zip “ Solo alla fine di marzo quando la maggior parte dei bottacci si è trasferita nelle terre di nidificazione, qualche ritardatario accenna il canto d'amore.

Iniziava la festa della caccia. Il nostro amico, sin dalle ore antelucane, certo delle previsioni, si appostava nei pressi dell'albero di buttata che generalmente coincideva con un antico mandorlo e via, con lo spuntar dell'alba, a tirare giù tordi con quel magistrale richiamo. Tirava solo da fermo senza sbagliare un colpo. Ed erano vistosi carnieri di tordi che Nicola riservava per sè o per amici bisognosi. Qualche volta li vendeva ai nobili della zona, che se pur cacciatori, non possedevano l'arte del richiamo di Nicola. Anche le allodole le attirava con un tio tio succhiato fra i denti, e quelle si posavano fra i solchi dei grani arati, presi di mira dalla doppietta belga a cani esterni ereditata dagli avi. Tirava avanti per tutto ottobre e novembre.

Nei mesi più freddi limitava le giornate di caccia poiché soffriva di fastidiosi reumatismi. Quando ebbe la percezione che la sua vita volgeva al termine, come quella di qualsiasi mortale, Nicola preferì accompagnarsi con vari amici e lasciare loro l'arte del richiamo. Ma per quanto si adoperasse a spiegare il movimento delle labbra e dei denti per sortire il magistrale zippio, nessuno mai riuscì ad imitarlo. Poi il nostro amico passò a miglior vita e nei pressi della sua casetta, ormai abbandonata, qualcuno ha lasciato scolpito sulla pietra tre volte zip zip zip, come per dire: - riposa in pace – E un rametto sempre verde d'ulivo lo ricorda ai posteri.


Domenico Gadaleta

Leggi gli altri racconti

1 commenti finora...

Re:Il cacciatore solitario

Il più delle volte capita che il cacciatore sia una persona semplice,umile, che ama la caccia soprattutto per l'ambiente in cui questa passione si svolge: ambiente primitivo, naturale, che riporta alla condizione degli albori della creazione e quindi non ama tanto accompagnarsi con amici, quanto essere solo con se stesso e approfondire le tante realtà che la natura ci pone, come la voce dei selvatici, il canto degli uccelli, il fruscio del vento che sussurra in silenzio e così via.E' questa la vera caccia!

Voto:

da Amante della Natura. 02/06/2017 6.38