Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Aspettando l'autunnoDiario di una cacciatriceIn attesa delle prime beccacceUna storia comuneI primi colpiQUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

OCCHIO DI SPINONE


mercoledì 28 giugno 2017
    

Manuele  cacciatore per passione e falegname nella vita, prima di recarsi alla bottega, amava appostarsi sin dall'alba'  sulla spiaggia per cacciare migratori di passo.    Catturava un po' di tutto:  aironi cenerini, aironi tigrati, strolaghe, gabbiani reali, piro piri, gambette, pivieri, ecc. Si cimentava anche nell'arte della tassidermia ed  esponeva quelle spoglie  nei pressi della bottega, per venderli.  Per la verità Manuele non era un avveduto imbalsamatore, perché spesso quei corpi morti avevano espressioni dimesse, se  non insignificanti.  Strada facendo  apprese a prepararli, ispirandosi alla natura del selvatico. Agli aironi cenerini dava l'atteggiamento aggressivo con gli occhi gialli sgranati, in segno di sfida. I Chiurli li imbalsamava impettiti, col becco ricurvo e con lo sguardo verso l'alto; il martin pescatore veniva preparato con un pesciolino ligneo nel becco e colorato d'azzurro. E così via. Divenne  talmente bravo che quelle spoglie sembravano esseri parlanti,  tanto che i clienti si erano fatti numerosi ed esigenti nelle richieste.  Divenne cacciatore di giornata e   quando capitava il passo,   rimaneva lì sulla spiaggia fino a sera,  con quei pochi stampi in legno da lui preparati alla ben meglio.

In quel dopoguerra i migratori non mancavano. Si adoperava a richiamarli con le labbra emettendo fischi  approssimativi,  che comunque sortivano l'arrivo dei selvatici. Si fece amica  una cagnetta randagia che incontrò fra gli scogli e che aveva la parvenza dello spinone con al collo una stagnola sui cui c'era scritto il nome di Tell. Quel cane  si rivelò utile nella raccolta  dei capi abbattuti. Imboccava anche i selvatici feriti per portarli al padrone. Fu un'amicizia lunga fra i due, fino a quando non intervenne il destino a far la sua parte.

Fu una giornata di metà settembre, quando gli stuoli lenti degli aironi  incominciavano ad  intravvedersi  dal levante, per avvicinarsi all'appostamento di Manuele  che con quel craaak gutturale più volte ripetuto, tentava di farli planare. Gli ardeidi sono uccelli che amano sostare sulle scogliere basse soprattutto quando capitano giorni di bassa marea,  per becchettare la varia minuteria alimentare che la risacca porta sulla spiaggia: gamberetti, granchi, alghe, piccoli molluschi e così via. Manuele si nascondeva alla perfezione con Tell,  in attesa dello stuolo che planasse vicino alla posta. Il giorno del destino uno stuolo ben nutrito era  sulle ali, nelle sfere celesti, tentando l'atterraggio.  Ci volle  un po' di tempo prima che  una decina di esemplari si posasse fra gli scogli e sulla ghiaia. Quel cacciatore non amava tirare al volo, memore di una teoria raccontata dagli  avi, a sostenere che gli stuoli posati sugli scogli e già intenti alla pastura, una volta sparati, ritornano  ad alimentarsi. Diversamente dai selvatici sparati a volo che si allontanano definitivamente.

Gli ardeidi  beccuzzavano per poi sollevare il capo e impettiti sbirciare l'orizzonte. Indugiò  ancora, tenendo a bada Tell,    sempre pronta al  recupero. Manuele attese  un po' e poi da una fessura dell'appostamento, infilò la doppietta e tirò all'uccello più vicino. Esplose una cartuccia caricata col cinque e con polvere cordite ricavata da residui bellici. L'airone, ferito, guadagnò gli scogli e si portò nell'acqua bassa, impotente a volare. Era steso su di un fianco e di tanto in tanto sollevava l'ala, desideroso di riaversi, mentre nel cielo i consimili lo aspettavano per proseguire nel viaggio migratorio.

Tell attendeva l'ordine del recupero mentre Emanuele era indeciso se consumare un 'altra cartuccia o no. Poi  ordinò al cane il recupero,  nulla sapendo degli eventi imminenti. Lo spinone di corsa saltellò sugli scogli  e abboccò l'uccello da una zampa. L'airone sanguinolente riprese  le  forze, e sfoderando quella  micidiale arma del  becco a pugnale, colpì lo spinone ripetutamente sulla testa, fino al punto che l'occhio destro del cane fu strappato dalle   beccate. L'amico Tell scagnando a più non posso per il dolore lancinante e orbo dell'occhio, ritornò al padrone versando sangue.  Manuele sorpreso dagli eventi cercò di correre ai ripari infilando la testa dell'animale nell'acqua salata e avvolgendola in un ampio fazzoletto.   Ma la linfa sanguigna fuoriusciva da ogni dove  fino a quando la cagnetta,  stremata , esalò l'ultimo respiro,  mentre l'uccello allontanandosi dalla spiaggia si perdeva fra i gorghi.  L'uomo rimase sconvolto sia da quella ferocia alata che dalla morte  tragica del cane che fu sepolto fra i sassi e  scogli a perenne memoria del nulla. Il padrone fece ritorno all'abitazione, triste e ammutolito. E fortemente scosso dalla morte dell'amico. Per un  po' di tempo, non si portò più sulla spiaggia per cacciare e per vivere. E così, dopo vari anni, ormai molto vecchio, anche lui ritornò nel misterioso seno della terra.

 


Domenico Gadaleta

Leggi gli altri racconti

2 commenti finora...

Re:OCCHIO DI SPINONE

airone tigrato in Italia?

Voto:

da griseto rosso 29/06/2017 8.50

Re:OCCHIO DI SPINONE

E' la lotta per la sopravvivenza che coinvolge non solo gli animali, ma anche l'umana specie.Tutti lottiamo contro il destino, il male, la morte.Quanti cacciatori hanno perso i loro cani nella lotta contro forze avverse che hanno incontrato nelle giornate di caccia.La grande avventura della nostra passione con solo ci coinvolge,ma spesso ci travolge negli affetti più cari. Ma la vita continua!

Voto:

da Amante della natura. 28/06/2017 16.13