Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Le cotorne di Piano MandorleDi notte a gambetteL’ultimo colomboAspettando l'autunnoDiario di una cacciatriceIn attesa delle prime beccacceUna storia comuneI primi colpiQUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

QUAGLIA IN LOTTA


mercoledì 2 agosto 2017
    
Erano gli anni dell'abbondanza della selvaggina, quando c'erano migratori dappertutto e i nonni si accompagnavano con i più giovani e futuri amanti dell'arte venatoria. Avere come compagni di caccia nipoti e figli ancora adolescenti è stato sempre un problema per nonni e padri, responsabili del pericolo cui si va incontro quando i consanguinei quando i consanguinei chiedono di tenere il fucile il fucile tra le mani e tirare qualche colpo.

Ma Albertino non volle capire ragioni al diniego del nonno che fu costretto a trascinarlo con sé. Quel mattino l'avo avrebbe dovuto tirare a qualche quaglia che aveva sentito trillare fra le stoppie, ma era inquietato dalla presenza di Albertino che voleva il fucile ad ogni costo. Il nonno fece di tutto per negare il possesso dell'arma al fanciullo poco più che decenne. Ma quando il nipote scoppiò in un pianto disperato, l'avo si arrese e dopo aver tolto una cartuccia dalla camera di scoppio di una doppietta, il nipotino era pronto sotto la ferma del cane, al primo sparo, che sarebbe stato l'ultimo, fino a quando, maggiorenne, avrebbe ottenuto il regolare porto d'arma.

Il nonno lo sorvegliava con tutte le precauzioni del caso, e quando la quaglia partì, Albertino con un'imbracciata un po' scomposta, sparò. Colpì il selvatico con qualche pallino. La quaglia punta dal piombo si fermò ad una ventina di metri fra le stoppie ottobrine e più volte tentò e ritentò la fuga sfuggendo alla cattura. Per quel giorno era fatta e per Albertino, anche se un po' deluso dalla circostanza, era la genesi di una passione che di lì a qualche lustro sarebbe esplosa in tutta la sua virulenza. Quella quaglia sopravvisse anche se fu costretta a sopportare qualche pallino incarnatosi fra gli ossicini del'ala. Doveva però ad ogni costo affrontare la migrazione di ritorno che per le consimili si era  conclusa a fine settembre.

Ad ottobre, con i freddi incipienti, era costretta a migrare in solitudine verso l'Africa. Intanto l'ala colpita guariva di giorno in giorno. L'uccello si attivava in voletti di prova, fino a quando decise di scegliere la sera della partenza. Avrebbe approfittato di un crepuscolo tranquillo, appena vezzeggiato dal soffio tenue del maestrale. E partì verso l'Africa abbozzando di tanto in tanto il suo caratteristico trillo, a cui non seguiva alcuna risposta. Era sola in  volo, terribilmente sola. Avrebbe attraversato il Mediterraneo per l'intera nottata; eppure, nel cuore delle tenebre, avvertì il ritorno del dolore all'ala, ma non si scoraggiò.

Percepì le luci di una imbarcazione sulla quale riposò per qualche minuto, in vista dell'ultimo tratto migratorio che l'avrebbe unita alle sorelle. E ricevette dal barcaiolo rispetto ed attenzione fino a quando con un trillo lungo e ripetuto lanciò l'addio all'uomo di mare che la salutò togliendosi il cappello verso il mistero stesso della migrazione. Si incontrò con qualche tordo bottaccio di entrata che ironicamente  l'apostrofò zirlando di  continuo  come a rimproverarla per quel ritardo da ultimo amore. Ai primi albori antelucani intravide le coste occidentali dell'Africa che si stagliavano sfumate dalla magnifica aurora nascente. Percepì appena qualche voce amica e si rincuorò pensando alle difficoltà che aveva   superato. Ormai era lì accolta da un festo e continuo mao – mao e tri – tri amichevole e confortante. Era fatta.

Dormì sulla spiaggia africana per l'intera giornata, liberandosi dalle immagini nemiche che l'avevano perseguitata. L'ala non era più dolorant, alle ggressionie. Quella quaglia sfuggita alla pressione venatoria, era guarita dalla lieve ferita che le aveva procurato Albertino; era sfuggita alle fauci delle volpi, alle aggressioni dei falchi, alle intemperie della natura, al destino avverso, e solo ricordava, con gratitudine, il barcaiolo che nella traversata di ritorno le aveva offerto riposo. Ora si preparava agli ultimi amori d'annata per  il bene della specie. Aveva vinto la sua lotta.
 
 
Domenico Gadaleta
 
Leggi gli altri racconti

1 commenti finora...

Re:QUAGLIA IN LOTTA

Di certo anche i selvatici combattono e lottano per la sopravvivenza.Pensiamo alle beccacce che spesso sono capaci di fasciarsi le ferite e di guarire dalle ferite. Racconto piacevole e ricco di insegnamenti. In bocca al lupo!

Voto:

da Amante della Natura 02/08/2017 20.35